Nel 2020 l’83,3% delle commissioni ha dovuto attivare politiche di incremento delle entrate

Percentuale di commissioni attive nei comuni sciolti per mafia che hanno previsto politiche di aumento delle entrate (2011-20)

Il 30% dei comuni commissariati per mafia versa in condizioni di deficit finanziario (a confronto, il dato a livello nazionale è invece del 5%). Proprio per garantire il risanamento degli enti, le commissioni straordinarie hanno posto particolare attenzione nelle attività di accertamento e riscossione dei tributi locali. Con l’obiettivo di eliminare trattamenti di favore che spesso caratterizzano le precedenti gestioni e contrastando i fenomeni di evasione fiscale.

Tra le politiche di incremento delle entrate rientrano le attività di recupero dei debiti pregressi, l’aumento delle aliquote Imu, Tasi e Tari e le contribuzioni per i servizi a domanda individuale.

FONTE: elaborazione openpolis su dati ministero dell'interno
(ultimo aggiornamento: giovedì 20 Maggio 2021)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.