L’aiuto pubblico allo sviluppo italiano dal 1960 al 2017

L'evoluzione dell'aps italiano negli anni messo a confronto con l'andamento dell'aps dei paesi Ocse-Dac

L’aiuto pubblico allo sviluppo italiano è stato quasi sempre negli anni al di sotto della media dei paesi Ocse-Dac, a parte brevi parentesi negli anni ’80 e nei primi anni ’90. L’andamento dell’aps italiano risulta inoltre caratterizzato da forti oscillazioni che evidenziano una scarsa continuità nelle politiche di cooperazione del nostro paese.

Il rapporto tra fondi stanziati in aiuto pubblico allo sviluppo e reddito nazionale lordo (aps/rnl) è un indicatore che cerca di misurare l’impegno del paese donatore espresso in relazione alla ricchezza prodotta. L’Italia si è impegnata a raggiungere lo 0,7 aps/rnl entro il 2030, ponendosi poi l’obiettivo intermedio dello 0,30 entro il 2020.

FONTE: Ocse
(ultimo aggiornamento: martedì 26 Marzo 2019)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.