Il ruolo delle regioni attraverso le società di acquisto e le aziende sanitarie

Importi a base d'asta dei lotti Covid per tipo di stazione appaltante (esclusi accordi quadro)

In quasi tutte le regioni, gran parte delle somme messe a bando sono state emanate da strutture collegate alla regione stessa (gli uffici dell’ente, le centrali di acquisto, le aziende sanitarie e ospedaliere). In 14 su 20 queste quote sommate superano il 90%.

In questa elaborazione, tra le stazioni appaltanti classificate come “Stato centrale” sono considerate solo quelle chiaramente riconducibili ad un territorio (ad esempio le articolazioni territoriali dello stato).

I lotti di stazioni appaltanti di livello nazionale (ad esempio il dipartimento di protezione civile) non sono considerati, in quanto non è possibile ricondurli ad una specifica regione.

FONTE: openpolis, osservatorio bandi Covid 
(ultimo aggiornamento: venerdì 17 Luglio 2020)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.