Delle risorse destinate a sud tramite bandi, la maggior parte non è garantita

Le soluzioni scelte dagli enti titolari per ridistribuire €7,1 mld del Pnrr destinati a sud dalla "quota mezzogiorno", nel caso in cui non venissero presentati sufficienti progetti (31 gennaio 2022)

Solo una parte minoritaria dei fondi (€2,5 mld) andrebbero comunque al sud, nel rispetto della “quota mezzogiorno”. Mentre la cifra più alta (€3,2 mld) è legata a bandi per i quali non è previsto alcun criterio di salvaguardia della quota. Infine, per €1,4 mld si prevede un eventuale scorrimento della graduatoria, indipendentemente dal territorio.

I dati riguardano risorse di misure territorializzabili del Pnrr già attivate tramite bandi, che però non hanno ancora condotto alla selezione dei progetti da finanziare. La “quota mezzogiorno” prevede che almeno il 40% degli investimenti del Pnrr sia allocato a sud. Nei casi di investimenti tramite bandi, se questo non è possibile per mancanza di progetti presentati da territori meridionali, gli enti titolari delle misure scelgono come distribuire quelle risorse.

FONTE: elaborazione openpolis su dati Dpcoe
(ultimo aggiornamento: mercoledì 9 Marzo 2022)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. È possibile leggere l’informativa cliccando qui.