Che cos’è la dichiarazione d’urgenza

Il parlamento può votare l’accelerazione dell’iter per determinati provvedimenti. Avviene spesso a inizio legislatura con proposte approvate in un solo ramo nella legislatura precedente.

Definizione

L’articolo 69 comma 1 del regolamento della camera (77 del senato) norma la possibilità per il governo, un presidente di gruppo o dieci deputati di chiedere che sia dichiarata l’urgenza di determinati disegni di legge. La dichiarazione d’urgenza è adottata dal conferenza dei capigruppo e, qualora non venga approvata con una specifica maggioranza, è sottoposta all’assemblea. La votazione in questione viene fatta con voto palese mediante procedimento elettronico.

Per ciascun programma dei lavori non possono essere dichiarati urgenti più di cinque progetti di legge, se il programma è predisposto per tre mesi, e non più di tre, se il programma è predisposto per due mesi. Per alcune proposte, tra cui i disegni di legge costituzionali, non può essere dichiarata l’urgenza.

In seguito all’approvazione della dichiarazione d’urgenza, viene fissato un termine, generalmente di 15 giorni, entro il quale le commissioni competenti devono riferire in aula sul provvedimento in questione.

Succede spesso all’inizio di ogni legislatura che provvedimenti vengano dichiarati urgenti. Questo situazione, normata dall’articolo 107 del regolamento della camera, viene contemplata per tutti quei disegni di legge che riproducono l’identico testo di un progetto approvato nella precedente legislatura da uno solo dei due rami. Questo può avvenire nei primi 6 mesi della legislatura, e serve a velocizzare la discussione non sprecando lavoro già fatto in precedenza.

Cosa:

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.