Tra le grandi città, Roma registra il divario maggiore tra la temperatura media 2018 e quella 1971-2000

Anomalia della temperatura media annua 2018 dal valore climatico 1971-2000, nelle 5 città maggiori

Rispetto alla temperatura media di 15,8°C registrata a Roma tra il 1971 e il 2000, la città presenta nel 2018 un aumento di 2,3°C. È l’anomalia più significativa, seguita da quelle di Milano e Torino, entrambe pari a 2°C. Chiudono la classifica Napoli e Palermo, con un incremento rispettivamente di 1,4°C e di soli 0,3°C per il capoluogo siciliano.

Per anomalia climatica si intende la differenza tra il valore di un parametro meteorologico (in questo caso la temperatura media 2018) e il valore medio di lungo periodo preso a riferimento, denominato normale climatologica (in questo caso la temperatura media 1971-2000). L’unità di misura è il grado Celsius (°C).

FONTE: elaborazione openpolis su dati Istat
(ultimo aggiornamento: giovedì 30 Aprile 2020)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.