Matera, Trento e Rieti, primi per disponibilità di verde urbano

Metri quadrati di verde urbano per abitante, nei capoluoghi di provincia (2019)

Dispongono rispettivamente di 995,1, 399,5 e 337,2 metri quadri per abitante, mentre cifre inferiori ai 10 mq per abitante si registrano in ben 15 dei 109 capoluoghi. Tutti del sud Italia, fatta eccezione per Ascoli Piceno, Savona e Imperia. Agli ultimi 3 posti infine Isernia, Barletta e Crotone, le uniche ad avere meno di 5 mq di disponibilità pro capite.

Nel verde urbano sono inclusi parchi, ville e giardini urbani di grandi dimensioni, quelli di interesse artistico, storico, paesaggistico, e/o di “non comune bellezza”, aree attrezzate (piccoli parchi e giardini di quartiere), arredo urbano (piste ciclabili, rotonde stradali, …), giardini scolastici, orti urbani, aree sportive all’aperto, aree destinate alla forestazione urbana, aree boschive, verde incolto, orti botanici, giardini zoologici e cimiteri.

Nel comune di Matera ricade il “Parco archeologico storico naturale delle chiese rupestri del materano” inserito nei beni paesaggistici ai sensi del d. lgs. 42/2004 e s.m.i.

FONTE: elaborazione openpolis su dati Istat
(ultimo aggiornamento: giovedì 25 Febbraio 2021)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.