I motivi politici restano la prima causa di scioglimento anticipato

Scioglimenti dei comuni per motivo (2010-2019)

Nonostante un calo rispetto alla prima metà del decennio, gli scioglimenti per motivi politici restano ancora la causa principale dei commissariamenti (63% del totale). Nello specifico, le cause più frequenti sono le dimissioni in massa dei consiglieri, quelle del sindaco. Più rara la sfiducia del sindaco da parte del consiglio comunale.

Il grafico include sia i comuni sciolti dal governo nazionale sia quelli deliberati dalle regioni a statuto speciale sulla base dei rispettivi ordinamenti. Per la Sicilia, il dato include tutti i commissariamenti per infiltrazioni, mentre quelli per altri motivi sono conteggiati dal 2014.

FONTE: openpolis
(ultimo aggiornamento: venerdì 10 Gennaio 2020)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. È possibile leggere l’informativa cliccando qui.