Cresce l’assistenza umanitaria ma si riduce il contributo privato

Nel 2018 l'assistenza umanitaria internazionale è aumentata seguendo un trend di crescita che prosegue da diversi anni. Il contributo privato invece registra una lieve flessione rispetto al 2017.

L’assistenza umanitaria internazionale è cresciuta molto negli ultimi anni sfiorando nel 2018 i 30 miliardi di dollari. Rispetto al 2014 si tratta di una crescita del 30,2%. Tuttavia mentre negli anni precedenti il tasso di crescita annuale era stato piuttosto elevato (13,5% nel 2015, 5,2% nel 2016 e 7,9% nel 2017) nel 2018 l’assistenza umanitaria è cresciuta solo dell’1%. Questo anche a causa di un calo del contributo privato che nel 2018 si è ridotto invece che crescere. Aumentare le risorse per l’assistenza umanitaria internazionale è importante perché nel frattempo aumentano anche i fondi necessari a far fronte alle molte crisi umanitarie in corso.

La metodologia del Global humanitarian assistance report considera l’assistenza umanitaria internazionale come le risorse finanziarie destinate ad azioni umanitarie fuori dal paese donatore. Il finanziamento privato riguarda oltre 200 Ong e i contributi privati ad alcune organizzazioni internazionali (Croce Rossa, Iom, Unhcr, Unicef e altre agenzie delle Nazioni Unite). I dati sul 2018 sono da considerare stime preliminari. Le cifre che si riferiscono agli anni precedenti possono variare rispetto a quelle riportate nelle scorse edizioni dello stesso rapporto. Questo a casusa dell’aggiornamento dei dati e perché i valori sono espressi in prezzi costanti rispetto ad anni diversi.

FONTE: Global Humanitarian Assistance Report 2019
(ultimo aggiornamento: giovedì 3 Ottobre 2019)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.