Ancora pochi i fondi italiani per i paesi più svantaggiati

L'Italia nel 2018 è al diciannovesimo tra i 29 membri del comitato Dac per quota di aiuti destinati ai paesi Ldcs.

Nel 2018 solo 6 membri del comitato Ocse Dac hanno raggiunto l’obiettivo di destinare almeno lo 0,15% dell’rnl ai paesi Ldcs. L’Italia in questa classifica si posiziona al 19 posto tra i 29 paesi donatori, con lo 0,06%. Un dato stabile rispetto al 2017 e ben distante dall’obiettivo. Guardano il dato storico in questo settore emerge peraltro come il nostro paese fatichi a superare questa quota. Una questione particolarmente importante visto che in questo caso non si tratta di aggiungere nuove risorse, ma solo di distribuire in maniera più coerente con i propri obiettivi quelle a disposizione.

Nell’ambito dell’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030 i paesi sviluppati si sono impegnati a destinare almeno lo 0,15% dell’rnl ai paesi meno sviluppati, i cosiddetti Ldcs (Least developed countries).

FONTE: Ocse
(ultimo aggiornamento: lunedì 24 Febbraio 2020)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.