In Italia nel 2015 solo lo 0,5% degli occupati era in telelavoro

Percentuale di occupati mobili o in telelavoro, nei paesi Ue (2015)

Nei paesi in cui gli spostamenti per motivi di lavoro sono più frequenti, è maggiore anche la presenza di teleworker, ne è esempio la Danimarca. Infatti, nel paese scandinavo il 18,7% fa occasionalmente spostamenti,  il 9,6% ha una mobilità più elevata e l’8,9% utilizza regolarmente il telelavoro come modalità lavorativa. Dall’altra parte, invece, c’è il caso dell’Italia dove nel 2015, solo il 5,4% faceva sporadicamente spostamenti, e la cifra scende ulteriormente considerando i lavoratori con mobilità elevata (1,2%), fino ad arrivare allo 0,5% di teleworker.

I dati mostrano l’utilizzo di modalità lavorative non standard nei paesi Ue.

FONTE: elaborazione openpolis dati Eurofound e dell'International Labour Organisation, based on the European Working Conditions Survey 2015.
(ultimo aggiornamento: giovedì 31 Dicembre 2015)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.