Il messaggio del 2020 conta meno di 1.700 parole

Il numero di parole contenute nei messaggi di fine anno dei presidenti della repubblica (1949-2020)

In media i messaggi di fine anno degli inquilini del Quirinali sono composti da poco meno di 1.650 parole. Nei primi anni della repubblica tali messaggi erano molto brevi ma con il tempo si sono allungati e il loro linguaggio si è trasformato diventando meno istituzionale e maggiormente fruibile dai cittadini. Il discorso più lungo in assoluto è stato quello tenuto da Oscar Luigi Scalfaro nel 1997 con 4.912 parole mentre il più breve è stato quello di Einaudi nel 1950 con sole 148 parole. Con le sue 1.691 parole, il discorso del 2020 di Sergio Mattarella è il secondo più breve del suo settennato (dopo quello del 2017) ed il 22esimo in assoluto. Anche se rimane comunque di poco superiore alla media.

La costituzione comunicazioni del presidente della repubblica rivolte direttamente al popolo: gli articoli 74 e 87 infatti prevedono solo l’invio di messaggi alle camere. Nel dibattito tra giuristi questa pratica, tesa ad avvicinare la massima carica dello stato ai cittadini, è stata oggetto di critiche. Tuttavia, dal 1949 ad oggi, il messaggio degli inquilini del Quirinale agli italiani è diventata una consuetudine seguita ed apprezzata.

FONTE: dati ed elaborazione openpolis
(ultimo aggiornamento: lunedì 4 Gennaio 2021)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.