Di Maio e Salvini abusano del loro ruolo per fare campagna elettorale Governo giallo-verde

Siti istituzionali per pubblicizzare eventi elettorali e missioni parlamentari per fare comizi. Comportamenti inopportuni dei due leader politici di 5stelle e Lega.

|

Le campagne elettorali regionali hanno fortemente caratterizzato i primi mesi della politica in questo 2019. I leader dei due partiti al governo, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, hanno dedicato numerose ore del loro tempo per sostenere i vari candidati che si sono dati battaglia nelle elezioni regionali in Abruzzo, Sardegna e ora Basilicata.

È giusto ricordare però che Di Maio e Salvini, oltre a guidare il Movimento 5 stelle e la Lega, sono anche vice presidenti del consiglio, ministri e soprattutto parlamentari. Ecco, è proprio analizzando gli eventi elettorali alla luce dei loro vari incarichi che sono emerse numerose questioni. Da un lato Di Maio in questi mesi ha pubblicizzato eventi dichiaratamente elettorali sui siti istituzionali dei ministeri di cui è a capo. Dall’altro Salvini, formalmente in “missione” durante alcune sedute del parlamento, ha tenuto comizi elettorali in giro per il paese.

Gli impegni elettorali di Di Maio e Salvini

Analizzando i profili social dei due leader, abbiamo fatto il punto sugli impegni elettorali svolti in questi mesi da Di Maio e Salvini. I due vice presidenti del consiglio sono stati molto attivi e, considerando il loro incarico di partito, è anche normale.

Salvini ha registrato il triplo degli eventi rispetto a Di Maio.

Il voto del 10 febbraio in Abruzzo è stato quello che ha mobilitato maggiormente i due politici: 14 gli eventi che ha svolto Luigi Di Maio, e 27 quelli del leader leghista. Numeri più bassi per il voto in Sardegna del 24 febbraio: solamente 3 eventi per il capo politico del Movimento 5 stelle, mentre altri 20 per Matteo Salvini. Già 15 invece gli incontri in Basilicata per Salvini, e 3 quelli tenuti da Di Maio. In vista delle elezioni europee solo il capo politico del M5s si è già mobilitato, con 3 diverse appuntamenti.

Nel confronto Matteo Salvini ha totalizzato esattamente il triplo degli eventi rispetto a Di Maio: 69 il primo e 23 il secondo. Strategie chiaramente diverse, rese tali anche da un altro aspetto. Per Matteo Salvini non solo è più alto il numero di eventi dedicati alle singole tornate, ma soprattutto sembra chiara la sua intenzione di trasformare qualsiasi occasione pubblica in un possibile comizio: che sia un pranzo della domenica a Recco (Genova) o un capodanno a Bormio (Sondrio).

Dalla Lombardia alla Puglia, passando per l’Umbria, oltre ai grandi eventi elettorali di questo 2019, analizzando i canali social di Matteo Salvini abbiamo infatti registrato 7 comizi “improvvisati” in tutto il territorio nazionale.

Una scelta che invece accomuna i due leader è quella di legare eventi “ministeriali” a quelli elettorali. Proprio lo scorso weekend sia Di Maio che Salvini erano in Basilicata in vista del voto di domenica. Entrambi hanno svolto eventi a sostegno dei loro candidati, ed entrambi hanno sfruttato l’occasione per organizzare incontri ufficiali per conto dei rispettivi ministeri: quello del lavoro per il leader 5 stelle, e quello dell’interno per il segretario della Lega.

Eventi rintracciati su canali Facebook, Twitter ed Instagram ufficiali di Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

FONTE: dati ed elaborazione openpolis

Le missioni dei parlamentari

Prima di entrare nel vivo della questione, è giusto fare un po' di chiarezza sui regolamenti del parlamento, di cui Di Maio e Salvini fanno parte in quanto deputato il primo e senatore il secondo.

Alle votazioni elettroniche in aula, unico modo per tracciare il tasso di partecipazione ai lavori, un parlamentare può essere assente, presente o in missione. In quest’ultimo caso il politico non partecipa al voto perché è occupato per compiti istituzionali.

È il caso per esempio di chi svolge compiti istituzionali nelle commissioni permanenti o nell’ufficio di presidenza o, come nel nostro caso, fa anche parte del governo. È proprio sulle missioni che si nascondono però numerosi problemi in ambito di trasparenza. Vai a "Come si contano assenze, presenze e missioni parlamentari"

Alla fine di ogni seduta il presidente dell’aula elenca i parlamentari in missione e ne specifica per ciascuno la commissione per cui stanno lavorando. Tuttavia non si precisa l’attività esatta che ne giustifica l’assenza né la durata. In altre parole è possibile sapere chi non è presente perché in missione, ma non per quale motivo di preciso e per quanto tempo non ci rimarrà.

14% è il tasso medio di presenze ai lavori dell'aula per i membri del governo che sono anche deputati o senatori.

Nel nostro assetto costituzionale poi è prevista la possibilità di svolgere contemporaneamente il ruolo di membro del governo e quello di parlamentare. Una possibilità che attualmente riguarda il 70% dell'esecutivo Conte, tra ministri, viceministri e sottosegretari. Nei primi 6 mesi di governo il loro tasso di partecipazione alle votazioni elettroniche è stato poco sopra il 14%. Nella stragrande maggioranza delle situazioni i parlamentari in questione risultano in missione, prova del fatto che il doppio incarico rende molto difficile seguire i lavori dell'aula.

Abusando delle missioni, i membri del governo possono nascondere assenze ingiustificate.

Il fatto di per sé non costituirebbe un problema: è normale che un ministro debba svolgere i suoi compiti istituzionali e che non possa quindi essere presente in aula. Il problema però sorge quando si approfitta delle missioni per nascondere assenze ingiustificate, come per esempio comizi ed eventi elettorali.

Mettersi in missione, ma fare campagna elettorale

Il senatore Matteo Salvini ha partecipato all'1,73% delle votazioni elettroniche da inizio legislatura, con un tasso di assenze giustificate (missioni) del 97,75%. Un fatto normale come visto, e giustificato dal suo ruolo di ministero dell'interno. In alcune occasioni però, nelle sedute in cui Salvini era segnato come in missione, il leader leghista si trovava occupato in vari luoghi del paese a tenere comizi elettorali. Ecco alcuni esempi.

Lo scorso 27 febbraio il senato ha votato il Decreto reddito di cittadinanza-quota 100. Nel resoconto della votazione a Palazzo Madama Salvini risulta in missione. Peccato però che quello stesso giorno, e più o meno alla stesa ora, Salvini fosse a Cagliari per festeggiare la vittoria elettorale del weekend precedente. Evento reso pubblico dal senatore stesso sul suo profilo Facebook.

La stessa cosa era successa per la tornata elettorale in Abruzzo. Il 7 febbraio Palazzo Madama aveva votato l'approvazione del disegno di legge costituzionale per la riduzione del numero di parlamentari. Ufficialmente Matteo Salvini era in missione, ma anche in quell'occasione era in realtà impegnato in un evento di campagna elettorale. In diretta da Bussi sul Tirino (Pescara), il leader della Lega pubblicava sul suo profilo Facebook il video dell'evento a sostegno del candidato del centrodestra Marsilio a cui ha partecipato.

Dall'inizio del 2019 in totale sono 4 le giornate in cui coincidono delle "missioni istituzionali" di Salvini, con degli eventi elettorali sparsi per il territorio: 7, 12 e 27 febbraio, e 7 marzo. Così facendo il vice presidente del consiglio ha saltato, anche se formalmente con giustificazione, 84 votazioni del senato, tra cui 8 voti finali: 5 ratifiche di trattati internazionali, una conversione di decreto legge, un disegno di legge costituzionale e un disegno di legge ordinario.

A differenza di Salvini, il deputato Luigi Di Maio ha un tasso di missioni inferiore (80,29%), controbilanciato da un tasso di assenteismo maggiore (5,96%). Il ministero del lavoro e dello sviluppo economico quindi "abusa" meno delle missioni, ma ciò nonostante anche lui è caduto nello stesso errore del collega di governo.

Lo scorso 5 febbraio il vice presidente del consiglio si è recato in Francia per incontrare una delegazione dei gilet gialli, guidati dal loro leader Cristophe Chalençon. Assieme a lui anche Alessandro Di Battista e alcuni europarlamentari 5 stelle. Proprio quel giorno in parlamento però si votavano le questioni pregiudiziali sul decreto semplificazioni. Nel voto, che ha avuto esito negativo, Di Maio risulta in missione, e quindi assente giustificato. Anche Di Maio quindi, come Salvini, ha nascosto una mancanza ai suoi doveri da parlamentare mettendosi in missione, approfittando di fatto di un regolamento fin troppo permissivo.

Fare confusione tra comunicazione istituzionale e propaganda elettorale

Sempre Di Maio ci permette di analizzare un'altra questione emersa analizzando l'agenda degli incontri elettorali svolti in questi mesi. Una questione che riguarda l'opportunità di svolgere contemporaneamente il ruolo di leader politico di un partito, e quello di ministro della repubblica, nonché vice presidente del consiglio. Una situazione che, per quanto legittima, può creare contesti inopportuni, e che sarebbe meglio evitare.

Un esempio? In varie occasioni Luigi Di Maio ha utilizzato il sito del ministero dello sviluppo economico o quello del ministero del lavoro per "pubblicizzare" eventi elettorali sul territorio.

Di Maio utilizza i siti istituzionali per pubblicizzare eventi di propaganda elettorale.

In questo esempio dello scorso 3 febbraio, sul sito del ministero del lavoro veniva segnalato che Di Maio sarebbe stato ad Ortona per sostenere la candidata presidente alla regione Abruzzo del M5s Sara Marcozzi. La scelta di utilizzare il sito ufficiale del dicastero per questo tipo di comunicazione è chiaramente fuori luogo, in quanto non si dovrebbe utilizzare un canale di questo genere per fare comunicazioni di parte a fini elettorali.

La stessa cosa era successa anche in Sardegna. Sempre tra gli eventi riportati sul sito ministero del lavoro veniva data notizia che il ministro Di Maio sarebbe stato il 12 gennaio a Cagliari. L'occasione era un comizio a sostegno sia del candidato presidente alle regionali Francesco Desogus, sia del candidato per le elezioni suppletive del collegio uninominale di Cagliari Luca Caschilli. Anche qui è stato utilizzato un canale istituzionale per fini politici.

 

Le nostre richieste

È evidente che entrambi i comportamenti sono inopportuni e sbagliati. Nessuno contesta il diritto dei due leader politici di fare campagna elettorale, ma farlo sfruttando il proprio ruolo non va bene. Ancora una volta sembra esserci una chiara mancanza di rispetto nei confronti delle istituzioni, governative e parlamentari, di cui si fa parte. 

Serve una riforma dei regolamenti parlamentari che introduca maggiore trasparenza sulle missioni di deputati e senatori, soprattutto se al governo.

È necessaria poi una riforma dei regolamenti di camera e senato che faccia più chiarezza sulle missioni parlamentari, e che soprattutto permetta di monitorare con più precisione la materia. Informazioni chiave come causa e durata delle missioni non vanno solo comunicate alla fine delle sedute, ma andrebbero registrate sistematicamente e rese pubbliche sulle schede dei parlamentari presenti sui siti istituzionali. E ancora, soprattutto per i membri del governo, che più di altri sfruttano questa possibilità, sono necessari controlli più stringenti e dati più chiari.

Le imminenti elezioni europee saranno un momento chiave dell'attuale legislatura, e soprattutto potrebbero avere significative conseguenze per l'attuale maggioranza di governo. Chiediamo che Di Maio e Salvini mantengano un atteggiamento consono al ruolo che svolgono, nel rispetto dei cittadini e delle istituzioni.

Foto credit: Facebook Matteo Salvini

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.